Benny Greb

La batteria al servizio della musica

Benny Greb ha iniziato a suonare la batteria all’età di sei anni e ha iniziato a prendere lezioni all’età di dodici anni. Ha suonato e suona una grandissima varietà di generi musicali. Dal rock con l’artista tedesco Stoppok e il trio Ron Spielman, al jazz con la sua Brass Band. Dal funk di Jerobeam al reggae con il grandissimo Bobby McFerrin. Dalla musica fusion con la Norddeutscher Rundfunk Big Band al punk rock acustico con Strom & Wasser.

Ha partecipato a molti festival internazionali di batteria come il Montreal Drum Fest del 2005 in Canada, l’Ultimate Drummer Weekend a Melbourne in Australia, il World Drum Festival in Germania, a Londra per il Drummer Live e al prestigioso PASIC event in Texas. Inoltre ha anche suonato al Modern Drummer Festival 2010, considerato da sempre uno dei più importanti festival internazionali del mondo della batteria.

Ha registrato 2 DVD didattici (The Language of Drumming e The Art&Science of groove) e 5 dischi da solista.

Il drumming di Benny Greb è facilmente riconoscibile, dotato di una tecnica pazzesca pone l’accento soprattutto sul groove e sul suono che nel mondo della batteria si definisce “fat” (rotondo).

Vi proponiamo un video, tratto dal suo primo DVD didattico, della sua colazione…un assolo di breakfast, per apprezzare la sua creatività e la sua incredibile musicalità!

Dave Weckl, la storia della Jazz/Fusion

Dave Weckl sarà in concerto a Roma con Mike Stern, conosciamolo meglio

Dave Weckl nasce a Saint Louis l’8 gennaio 1960 negli Stati Uniti. È considerato uno degli esponenti più importanti della storia della jazz/fusion.

Dave iniziò a suonare la batteria all’età di 8 anni. Già durante gli anni delle scuole superiori ricevette molti riconoscimenti per le sue performance.

Intraprese la carriera professionale a 16 anni prestandosi a diverse band locali, in cui spaziava dal jazz al pop.

Compiuti 19 anni si trasferì sulla costa est degli Stati Uniti per studiare musica all’Università di Bridgeport, nel Connecticut. Grazie alle esibizioni nei club di New York, Dave cominciò a creare intorno a sé il forte interesse degli appassionati del genere, anche di batteristi già affermati come, tra tutti, Peter Erskine.

L’incontro con Erskine aprì a Dave numerose porte. Difatti cominciò a suonare, grazie alla sua intermediazione, con i French Toast e successivamente venne ingaggiato per la Reunion dei Simon & Garfunkel, nel 1983.

Solo successi attendevano la carriera di Weckl: lavori in radio, sigle pubblicitarie e incisione di colonne sonore. Collaborazioni con artisti del calibro di Robert Plant, George Benson, Mike Stern, John Patitucci, Frank Gambale e tantissimi altri.

Nel 1985 Dave iniziò a collaborare con Chick Corea per il progetto “Elektric Band”. Collaborazione che va avanti ancora oggi e che ha portato alla band riconoscimenti mondiali, tra cui la vittoria di un Grammy Award.

Recentemente è stato introdotto nella Drummers Hall of Fame come “uno dei 25 più talentuosi batteristi di tutti i tempi”.

Fonda il gruppo con cui ha registrato sei album da solista, la Dave Weckl Band. Nonostante tutto Dave riesce a regalare le sue perle di groove in giro per il mondo con featuring, collaborazioni e seminari. Non a caso Dave ha realizzato numerosi metodi didattici, video e audio, dedicati allo studio della batteria.

Dave Weckl sarà a Roma il 12 aprile con il grandissimo chitarrista Mike Stern. Al sax Bob Franceschini e al basso Tom Kennedy. Il concerto si terrà al Crossroads, un evento imperdibile per gli amanti del genere e della musica di assoluta qualità. Vi diamo un piccolo assaggio di quella che sarà una serata indimenticabile.

Mike Mangini

Mike Mangini dal 2011 è il batterista dei Dream Theater. La band è tornata in studio per un nuovo disco, Distance over time,  che sarà disponibile dal 22 febbraio 2019.

Michael Mangini è un batterista statunitense è noto per la sua notevole tecnica e per la sua velocità d’esecuzione.

Sono tanti i video su youtube in cui da sfoggio di tutta la sua abilità.

A soli 5 anni comincia a suonare la batteria. Alcuni sostengono che già in tenera età passasse fino a 10 ore a studiare lo strumento. Mike è sempre stato un ragazzo ligio al dovere. Dopo aver conseguito il diploma nel 1981, conseguì una laurea in informatica e lavorò per un software usato dal ministero della Difesa americano.

I primi successi di Mangini musicista arrivano nel 1987. Infatti comincia a suonare per la Rick Berlin Band di Boston.

Nel 1991 approda nella band thrash metal Annihilator. Registra delle tracce per l’album in studio Set the World on Fire e suona in diversi live, fino al 1994. In quell’anno gli viene proposto di entrare a far parte degli Extreme dopo l’abbandono di Paul Geary. Con gli Extreme, Mike registra un album nel 1995 Waiting for the Punchline.

Dopo lo scioglimento degli Extreme nel 1996, Mangini partecipa con successo alle audizioni per un nuovo batterista indette da Steve Vai. Dalla fine del 1996 ai primi del 2000, fa parte stabilmente della formazione live del chitarrista. Partecipa anche alle sessioni degli album Fire Garden e The Ultra Zone.

Nel 2000 comincia ad insegnare al Berklee College of Music di Boston alternadosi in vari progetti musicali che hanno più o meno successo. Collabora con Terry Bozzio e sovente torna alla batteria con gli Annihilator.

Alla Berklee Mangini sviluppa la sua didattica e scrive il libro Rhythm Knowledge in cui spiega come semplificare complessi poliritmi e partiture.

La svolta nella carriera di Mike arriva nel 2011 quando partecipa con successo all’audizione indetta dai Dream Theater per rimpiazzare il dimissionario Portnoy. Oltre alle indiscusse capacità tecniche sicuramente hanno giocato un ruolo fondamentale le passate collaborazioni con James LaBrie, cantante della band di New York.

Con i Dream Theater, Mangini ha pubblicato tre album in studio e due live. E  proprio in questi giorni è stata annunciata la release del nuovo album di petrucci&co. L’album si chiamerà Distance Over Time e sarà disponibile dal 22 febbraio 2019.

Buon ascolto!

Ray Luzier

Ray Luzier dal 2008 è il batterista dei Korn che, dopo il tour celebrativo dei vent’anni di Follow the leader, sono tornati in studio per un nuovo disco che potrebbe veder la luce già nel 2019.

Ray luzier nasce negli Stati Uniti nel 1970. Già a 5 anni approccia alla batteria ma comincia a studiare lo strumento solo a 18 anni. Infatti si trasferì ad Hollywood per frequentare il Musicians Institute. Qui vi conseguì la laurea nel 1989 e dopo 3 anni vi cominciò ad insegnare.

Parte dei suoi insegnamenti sono stati registrati in un dvd didattico. Crea dei pattern veramente interessanti usando frasi lineari che intrecciano doppia cassa, tom e piatti. L’utilizzo di stax e splash caratterizzano pesantemente il suo drumming.

Prima di approdare ai Korn, Luzier suona con musicisti illustri. Tra i vari nomi spiccano quelli di David Lee Roth e Billy Sheehan. Ha tra l’altro partecipato ad un reunion tour dei Stone Temple Pilots.

Dopo l’abbandono di David Silveria nel 2006, arriva per i Korn il momento di cercare un nuovo batterista. La band si affida temporanemante a Terry Bozzio per la registrazione del disco Untitled e a Joey Jordison per diversi live. Fu proprio Ray a portare stabilità nella lineup della band. Dopo un’audizione entusiasmante, Luzier prende a far parte ufficialmente dei Korn: fu decisiva la sua capacità di cambiare e migliorare intere parti delle canzoni.

Con i Korn ha già registrato ben 4 album in studio partecipando attivamente alla stasura dei pezzi.

Vi proponiamo un assolo e un pezzo registrato per i KXM suonati al Drum Daze Festival 2014!